Vuoi posizionare il tuo sito su Google Immagini? Ecco gli ultimi aggiornamenti di Google

Vuoi posizionare il tuo sito su Google Immagini? Ecco gli ultimi aggiornamenti di Google

Per visualizzare una foto del tuo sito nella Ricerca Immagini di Google non basta semplicemente caricarla sulla tua piattaforma di gestione del website.

Se vuoi che le foto del tuo sito siano visibili sul motore di ricerca devi seguire le linee guida SEO per ottimizzare le immagini

Le linee guida per la pubblicazione in Google Immagini sono state aggiornate da pochissimo

 

Queste indicazioni servono al colosso di Mountain View per offrire risultati di ricerca sempre più in linea con le ricerche visual degli utenti e servono a te per migliorare la SEO on-page dell’intero sito e trarre vantaggi in termini di ranking.

Leggi anche SEO on-page: dove inserire le keyword

Con questo articolo ti spieghiamo in modo semplice queste nuove guidelines, offrendoti esempi pratici e tanti utili spunti per migliorare le tue performance sul web.

Linee guida SEO 2018 per Google Immagini: come ottimizzare le foto per i motori di ricerca

Le nuove guidelines sono state aggiornate di recente sulla Guida di Search Console e hanno l’obiettivo di migliorare l’esperienza utente e portare traffico di qualità verso il sito web, con un occhio di riguardo per il mobile, sempre più determinante per il posizionamento.

1. La user experience è importante anche nelle immagini

Google ha come obiettivo dei suoi aggiornamenti il miglioramento continuo dell’esperienza utente. Per questo fornisce alcune indicazioni volte a ottimizzare la UX dei contenuti visivi

  1. Usa immagini coerenti con il contesto del sito: scegli immagini che siano in linea con l’argomento della pagina web. Google privilegia contenuti significativi che forniscano un valore aggiunto al sito e ne accrescano la qualità agli occhi dell’utente. Leggi anche: Come ottimizzare i contenuti web;
  2. Scegli la posizione giusta nella pagina: disponi l’immagine accanto al testo a cui si riferisce e cerca di privilegiare la parte alta della pagina;
  3. Non inserire testo importante sulle immagini: non serve scrivere titoli o intestazioni di pagina sulle foto, meglio lasciarli in html o come testo alternativo;
  4. Ottimizza per il mobile: è importante caricare file che siano compatibili su tutti i device soprattutto mobili;
  5. Cura la scrittura delle URL: sfrutta l’organizzazione in cartelle per fare in modo che le url dei prodotti siano coerenti con il percorso di navigazione del sito. Google utilizza il percorso del file per classificare le immagini;
  6. Crea contenuti di qualità: scrivi contributi testuali di qualità per conferire autorità a quelli visivi.

Leggi anche 10 consigli per creare contenuti autorevoli e di qualità senza sbagliare

2. Ottimizza titolo e descrizione

Google Immagini conferma che utilizza titolo e descrizione dell’immagine per generare uno snippet che aiuti l’utente a capire se vale la pena procedere al clic sul risultato di ricerca.

Ecco il comunicato ufficiale

Google Immagini genera automaticamente un titolo e uno snippet per spiegare meglio ogni risultato e in che modo è correlato alla query dell’utente […]

Utilizziamo una serie di fonti diverse per queste informazioni, incluse le immagini descrittive nel titolo e i meta tag per ogni pagina. 

3. Aggiungi dati strutturati

I dati strutturati come i badge che categorizzano i prodotti vengono utilizzati da Google per rendere l’immagine un risultato multimediale che permetta di visualizzare più informazioni utili a colpo d’occhio.

Ecco un esempio da mobile

dati strutturati immaginidati strutturati per immagini
Attualmente questi dati sono supportati per le seguenti categorie

  • Prodotto
  • Video
  • Ricetta

Ecco come appaiono i badge per i siti di ricette

esempio badge google sito ricette

4. Riduci i tempi di caricamento

Contenuti visivi troppo pesanti penalizzano la velocità di caricamento di una pagina web. 

Leggi anche: Tutti i chiarimenti sul Page Speed Update di Google

5. Carica foto di buona qualità

Assicurati che non siano sfocate o sgranate e che caricandole sul web non perdano la qualità originale.

6. Utilizza titoli, nomi di file e testi descrittivi

Assicurati che tutti i testi relativi agli attributi, nome del file e descrizione dell’immagine siano coerenti con il testo della pagina e che diano informazioni chiare e precise sull’argomento.

7. Scrivi attributi “alt” di senso compiuto

Il tag <alt> è il testo alternativo che accompagna un’immagine, vale a dire la sua descrizione.

Questo attributo è utile per posizionare l’immagine per una keyword specifica, per sopperire a eventuali problemi di caricamento dovuti a connessioni lente e per consentire la lettura agli screen readers usati da persone con problemi di vista.

Visti i numerosi vantaggi di questo meta tag, è consigliabile non scrivere elencando liste di parole chiave, ma privilegiare testi utili e informativi in linea con l’argomento della pagina.

Leggi anche: Guida SEO per ottimizzare alt e title per immagini

8. Usa una sitemap per immagini

Realizzare una sitemap xml relativa ai contenuti visivi può aumentare le probabilità che questi vengano restituiti nei risultati della ricerca.

9. Raggruppa separatamente le immagini per adulti

Molti utenti attivano il filtro SafeSearch per non includere i contenuti per adulti tra i risultati di ricerca.

Separare questi file in una specifica cartella e aggiungere i meta tag specifici permetterà a Google di capire meglio la natura di tali dati e offrire risultati appropriati alle ricerche degli utenti, oltre a evitare di ricevere segnalazioni da parte del motore di ricerca stesso.

Conclusioni

Il panorama web è sempre più orientato a soddisfare l’esperienza dell’utente che utilizza internet dagli smartphone.

I motori di ricerca infatti continuano a migliorarsi per offrire risultati sempre più in linea con le esigenze della navigazione mobile e per rendere l’esperienza di fruizione dei contenuti visivi sempre più completa.

Alla luce di questi nuovi cambiamenti, è importante non farsi trovare impreparati perché ottimizzare le immagini sta diventando importante quanto ottimizzare per i contenuti testuali.

Leggi anche: Come creare contenuti autorevoli su Internet

 

Noi di PromuoviWeb realizziamo siti web professionali perché siamo aggiornati con i più moderni trend di Ottimizzazione Web: contattaci per un preventivo su misura!

 

Valentina – PromuoviWeb • Strategie di Web Marketing su misura

 

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *