Come diminuire la bounce rate sul tuo sito web: 20 consigli

bounce

Come diminuire la bounce rate sul tuo sito web: 20 consigli

La frequenza di rimbalzo o bounce rate è la percentuale di utenti che visitano una sola pagina del sito web sul quale sono atterrati ed escono senza compiere altre azioni. Il termine “rimbalzo” indica proprio il fatto che l’utente entra sul sito e rimbalza subito via.  

E’ chiaro che un’alta percentuale di rimbalzo indica che il sito non offre un’esperienza utente soddisfacente e non converte il visitatore in cliente.

Un recente articolo pubblicato su Searchenginejournal.com offre venti utili consigli per ridurre il tasso di bounce rate: eccoli tutti.

1. Fai attenzione al tempo di caricamento della pagina: agli utenti non piace aspettare, soprattutto sul Web e soprattutto se stanno navigando da dispositivi mobili. Il miglior contenuto viene sanamente ignorato se un visitatore non può visualizzarlo immediatamente sul suo device;

Leggi anche: Google premia la velocità dei siti web

2. Semplifica la ricerca nel sito: se hai un sito di grosse dimensioni aggiungi la funzione di ricerca. In questo modo se l’utente cerca qualcosa di specifico può sfruttare questa funzionalità piuttosto che abbandonare il sito;

3. Facilita la navigazione: quando le persone entrano su un sito vogliono sapere chiaramente cosa fare e in quale direzione andare. Se ciò non è supportato da una navigazione intuitiva, si rischia che la frequenza di rimbalzo aumenti;

4. Concentrati sul design: offri ai visitatori un’esperienza utente semplice, partendo da un design impeccabile che non sia solo esteticamente piacevole, ma funzionale, usabile e facilmente navigabile;

5. Realizza un sito mobile-friendly: il tuo sito deve essere fruibile su tutti i dispositivi mobili

Leggi anche: Google spiega il Mobile First Index

6. Garantisci la leggibilità dei contenuti: il contenuto di una pagina web deve essere formattato in modo chiaro perché deve essere facile da leggere;

Leggi anche: Come scrivere contenuti autorevoli

7. Distribuisci il testo in paragrafi brevi: inserisci i testi in paragrafi brevi in modo tale che gli utenti possano leggere facilmente il contenuto che stanno cercando;

8. Differenzia i contenuti: integra varie forme di contenuti per attirare più utenti, come video e immagini;

9. Utilizza parole chiave pertinenti: se il tuo sito è posizionato su Google per una keyword forte, ma i contenuti della pagina di atterraggio sono insoddisfacenti o peggio incoerenti, gli utenti lo abbandoneranno;

Leggi anche: In quali parti del sito vanno inserite le keyword

10. Rivolgiti al target giusto: identifica il target principale e crea contenuti di nicchia che ne soddisfino le esigenze di ricerca. Attenzione! Un target molto ampio ha meno probabilità di successo nelle conversioni, mentre è più probabile che un pubblico più specifico sia in linea con il tuo brand;

11. Evita i pop-up: sono irritanti e frustranti e peggiorano la User Experience;

12. Limita gli annunci pubblicitari: rischiano di infastidire la lettura. La giusta collocazione degli annunci dovrebbe essere ai lati della pagina, in modo da non compromettere l’attenzione dell’utente;

13. Usa le call-to-action: l’utente deve essere in grado di capire come concludere l’azione per la quale ha cercato e trovato la tua pagina sul Web;

14. Limita i broken link: i link non funzionanti lasceranno le persone insoddisfatte;

15. Crea link interni: i collegamenti a pagine interne di argomento simile aumentano la probabilità che gli utenti continuino la navigazione;

16. Fai in modo che i collegamenti si aprano in una nuova pagina: avere più pagine aperte contemporaneamente contribuisce a incrementare il tempo di permanenza sul sito;

17. Crea una pagina 404 utile: la pagina “Non trovato” dovrebbe fornire opzioni di navigazione alternative affinché l’utente possa continuare a navigare;

18. Aggiorna il blog: crea contenuti freschi e attuali per offrire ai visitatori una vasta scelta di argomenti da approfondire;

19. Metti in mostra le recensioni: i commenti aumentano la percezione positiva da parte degli utenti;

Leggi anche: Come usare i principi di persuasione nel tuo sito web

20. Tieni traccia delle performance con Google Analytics: puoi misurare il tempo di permanenza sul sito, la bounce rate, le pagine più visitate e tanto altro.

 

Questi utili accorgimenti sono preziosi sia per scongiurare il pericolo di un’elevata bounce rate che per ottimizzare la User Experience del tuo sito web, offrendo una risorsa preziosa sia agli utenti che a Google.

 

Noi di Promuoviweb realizziamo siti web professionali perché siamo aggiornati con i più moderni trend di Ottimizzazione Web: contattaci per un preventivo su misura!

 

Valentina – Promuoviweb • Strategie di Web Marketing su misura

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *