Tre consigli di Content Marketing per piccole imprese

content marketing

Tre consigli di Content Marketing per piccole imprese

Google rilascia continuamente nuovi algoritmi per migliorare la qualità del Web, lo spazio democratico per eccellenza nel campo della diffusione delle informazioni.

Allo stesso tempo, la Rete brulica di siti web poco funzionanti e comunicativi. Per questo con i nuovi aggiornamenti della privacy e della sicurezza, e la richiesta sempre più insistente di contenuti di valore, Google sta utilizzando politiche e metriche di valutazione dei siti più severe.

Alla luce di questi aggiornamenti, è chiaro che la SEO (Search Engine Optimization – Ottimizzazione per i Motori di Ricerca) si evolverà sempre di più.

Un interessante articolo pubblicato su Search Engine Land offre un’utile guida per le piccole aziende sulle migliori strategie di Content Marketing da applicare al proprio sito.

 

Fare Content Marketing: cosa significa e come usarlo per le aziende

Il Content Marketing include tutte quelle strategie che utilizzano i contenuti editoriali al fine di convertire i visitatori in clienti.

Si tratta quindi di guadagnare su Internet utilizzando contenuti utili e di qualità che aiutano l’utente a identificare il tuo brand e a differenziarlo dalla concorrenza, dunque ispirare fiducia e fidelizzarlo al tuo marchio.

Leggi anche: Come creare contenuti autorevoli

 

Tre consigli di Content Marketing da applicare per il tuo sito

Per le piccole imprese spesso fare SEO diventa problematico a causa della concorrenza dei grossi player che divorano il mercato. Diventa pertanto un requisito fondamentale affidarsi a una web agency onesta e preparata per la realizzazione del sito web e successivamente passare alla fase del Content Marketing.

Noi di Promuoviweb sappiamo bene quanto il Web Design e il Web Marketing siano in continua evoluzione e soprattutto quanto sia cruciale per un’azienda differenziarsi dai competitor per fare la differenza in Rete.

Ecco tre utili suggerimenti per sfruttare il Marketing dei Contenuti da parte delle piccole attività locali che vogliono ottenere buoni risultati in tempi brevi e piccoli budget.

 

1. Contenuti evergreen

evergreen

All’inizio del 2018, molti esperti SEO sono stati concordi nell’affermare l’importanza del blog come fonte di traffico verso il sito ufficiale.

Premesso che ci troviamo perfettamente concordi con questa opinione, è anche vero che, oltre al fatto che questo dipende molto dal tipo e dal target del sito web, bisogna considerare che un blog richiede la gestione da parte di personale qualificato, frequenza di aggiornamento costante e tempo necessario alla stesura dei testi e del piano editoriale.

Un tipo di Content Marketing alternativo ma che funziona molto bene per le imprese locali è la creazione di risorse evergreen, cioè tutti quei contenuti specifici e sempre utili a prescindere da una particolare stagionalità.

Un esempio di questo genere di contenuti riguardano le informazioni locali, del tipo “10 posti insoliti da visitare a …”

Alcune idee per realizzare contenuti evergreen per il tuo sito:

  • Calendario di eventi locali come conferenze, concerti, festival, giochi e altro;
  • Elenchi delle migliori cose da fare per le famiglie come attrazioni, luoghi adatti ai bambini, parchi e altro;
  • Elenchi delle cose da fare in occasione di un evento specifico, con tutte le informazioni dettagliate dell’evento stesso.

Queste risorse sono semplici da realizzare e richiedono poco tempo per metterle online. Inoltre sono utilissime per il posizionamento a lungo tempo.

 

2. Guide pratiche

guide utili

Le guide del tipo “Come fare per …” sono utilissime per posizionare il sito come snippet in primo piano su Google, cioè in quel box che mostra una risposta immediata alle domande degli utenti, posizionato prima di tutto l’elenco dei risultati di ricerca.

Creare questi testi è molto semplice per le piccole aziende perché conoscono bene il loro prodotto e hanno la possibilità di sperimentare e suggerire ai clienti le applicazioni d’uso più disparate dei vari prodotti.

 

3. Video

video marketing

La condivisione di contenuti visivi è la forma di Content Marketing più in ascesa negli ultimi anni, che purtroppo ha visto piattaforme come YouTube inondarsi di video poco fantasiosi e coinvolgenti.

Ecco alcuni consigli per realizzare video che convertono:

  • Carica video di qualità, cioè utili e informativi per gli utenti;
  • Realizza video lunghi, dove per “lunghezza” si intende una pianificazione a puntate. E’ consigliabile segmentare le varie clip in parti numerate, in modo tale che chi ha guardato la Parte 1 sia portato a guardare anche la Parte 2 e così via.

Diversi studi dimostrano che chi ha visto le prime due parti tende a restare anche per le parti successive.  

  • Crea anteprime e link incorporati che portano ai prossimi video, per guidare gli utenti nella visualizzazione;
  • Crea playlist per facilitare la navigazione sia agli utenti che a YouTube.

Leggi anche: Come ottimizzare i video su YouTube

Conclusioni

Attribuire il significato di Content Marketing al semplice blogging è riduttivo, anzi le sfumature ormai sono molte di più.

Per le piccole aziende locali, fare marketing con i contenuti significa scoprire cosa vogliono gli utenti e creare contenuti specifici in linea con il target di riferimento.

Condividere i contenuti su Google My Business e sui social permette di avere un ritorno in termini di menzioni, diffusione e fidelizzazione da parte dell’utente, oltre che un aumento di visite e quindi un miglioramento del ranking sui motori di ricerca.

 

Leggi anche: Le statistiche Google My Business permettono di approfondire le opinioni dei clienti

 

Noi di Promuoviweb ci occupiamo di Content Marketing: contattaci per un preventivo su misura della tua azienda!

 

Valentina – Promuoviweb • Strategie di Web Marketing su misura

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *