I sei errori da evitare nella scrittura della meta description di una pagina web

meta tag description

I sei errori da evitare nella scrittura della meta description di una pagina web

La meta description è un attributo html che viene utilizzato per comunicare al motore di ricerca la descrizione di una pagina web.

Trattandosi di un contenuto, richiede una capacità di scrittura in grado di combinare le linee guida del Copywriting (l’arte di Scrivere Testi per il Web), con le strategie di SEO on-site, cioè le tecniche di ottimizzazione per i motori di ricerca che vengono realizzate all’interno del sito, cioè sul codice e i contenuti testuali.

Un recente articolo pubblicato su Search Engine Journal sintetizza i sei errori più comuni che si commettono nella scrittura della description.

Dopo aver illustrato le principali funzioni di questo meta tag, ti spiegheremo come evitare di sbagliare e come migliorare l’ottimizzazione della descrizione delle tue pagine web.

Cos’è la meta description?

Il metatag description è la descrizione della pagina web presente nella SERP subito dopo il titolo della pagina.

Ti forniamo subito un esempio pratico di cosa significa meta description e dove si trova.

Dopo aver digitato le parole di ricerca su Google ottieni la SERP, cioè la pagina dei risultati restituiti dal motore di ricerca.

Ogni sito web viene presentato con un titolo in grassetto blu, che rappresenta il meta tag title, mentre il testo descrittivo immediatamente inferiore rappresenta la meta description.

Esempio di meta description

esempio tag description html

Il codice html della meta tag description da inserire nel sito web è

<head>
<meta name=”description” content=”Questo è un esempio di meta tag description’
</head>

Lunghezza e caratteri consigliati per la SEO

Gli ultimi aggiornamenti Google dicono che la lunghezza massima della description è di 320 caratteri, equivalenti a un massimo di 1840 pixel.

Tuttavia, in un aggiornamento di maggio 2018 Google conferma di aver accorciato nuovamente gli snippet dei risultati di ricerca dopo averli espansi lo scorso dicembre. Il consiglio però è quello di non fossilizzarsi troppo sulla lunghezza della description perché il motore estrarrà automaticamente la quantità di testo da visualizzare in SERP.

La description non rappresenta un fattore di ranking

Le meta descrizioni non influenzano direttamente il posizionamento del sito sui motori di ricerca.

 

Si tratta piuttosto di un fattore di ranking indiretto, perché il testo del description tag viene usato da Google in modo dinamico per soddisfare le query di ricerca dell’utente.

 

Significa che Google potrebbe non utilizzare tutte le parole che hai inserito nel tag, ma estrarrà solo il contenuto che descrive meglio l’intento di ricerca dell’utente.

Leggi anche: Ricerche senza click: Google risponde alle richieste degli utenti direttamente in SERP

Cosa scrivere nella meta description?

La meta description deve contenere una descrizione di senso compiuto della pagina web, supportata da un’attenta scelta delle parole chiave che ne evidenziano il contenuto.

Scopri come scrivere una meta description utilizzando le keywords con le linee guida che abbiamo pubblicato nel post Dove inserire le parole chiave all’interno di una pagina web.

I sei errori più comuni da evitare nella scrittura della description

Fatte le dovute premesse sul significato e l’uso di questo attributo html, vediamo quali sono gli errori da non commettere nella scrittura di una buona description ottimizzata per i motori di ricerca.

1. Utilizzare meta description duplicate

I meta tag description sono brevi descrizioni che presentano in SERP il contenuto che l’utente troverà all’interno della pagina. Più le pagine sono introdotte da contenuti unici nella description, meglio aiuteranno Google a veicolare il traffico di tutti quegli utenti che stanno cercando proprio quelle informazioni.

Avere meta description con contenuti duplicati le renderebbe fuorvianti e inutili sia per gli utenti che per il motore di ricerca.

Se invece Google trovasse il campo vuoto, estrarrebbe in automatico dal contenuto principale le porzioni di testo maggiormente in linea con la query digitata dall’utente.

2. Essere ossessionati dal conteggio dei caratteri

Con l’aggiornamento della lunghezza massima a 320 caratteri nella description si è modificato anche il modo in cui vengono visualizzati gli snippet, cioè l’insieme di title, utl e description.

Ecco la comunicazione ufficiale resa pubblica da Danny Sullivan di Google Search:

Più che il numero di caratteri, quello che conta è il numero di pixel, ottimale tra 920 e 1840, pertanto non è necessario forzare il numero di caratteri.

Infatti se necessario le meta description verranno assegnate manualmente al motore di ricerca, che mostrerà la descrizione più in linea con l’intento di ricerca dell’utente.

3. Non usare le parole chiave

E’ fondamentale che la meta description includa parole chiavi pertinenti con il contenuto della pagina, coerenti con il tag title e conforme alle intenzioni di ricerca degli utenti.

4. Non ottimizzare per i rich snippet

Il rich snippet arricchisce il risultato restituito nella SERP con elementi aggiuntivi, quali immagini, valutazioni, recensioni e altro.

Ecco un esempio trovato nella ricerca di una ricetta, dove vengono mostrati in SERP foto, valutazione, numero di recensioni e tempo di preparazione

rich snippet esempio

Inserire questi microdati-microformati nel proprio sito è utile a restituire risultati di qualità.

5. Non utilizzare le tabelle per soddisfare le query a risposta diretta

Utilizzare le tabelle permette di visualizzare nel rich snippet un elenco di voci ordinato e lineare.

In questo modo è possibile utilizzare lo snippet come una risposta diretta a una query digitata dall’utente nel box di ricerca, che in quel momento sta utilizzando Google per ottenere una risposta rapida alla sua domanda.

Ecco un esempio per una ricerca di eventi

tabelle in rich snippet

Google privilegia questi dati strutturati per restituire risultati che diano risposte rapide e soddisfacenti agli utenti.

6. Scrivere descrizioni poco chiare

Anche nei meta tag description è importante fare un uso attento del Copywriting, perché Google predilige testi di senso compiuto, comprensivi e coerenti con il contenuto della pagina.

Come scrivere meta description ottimizzate per i motori di ricerca

  • Scrivi testi naturali e scorrevoli, non una mera lista di parole chiave;
  • Adotta lo stesso modo di scrivere utilizzato nel sito;
  • Sentiti libero di usare numeri, simboli, emoji e caratteri speciali;
  • Offri una presentazione interessante e coinvolgente
  • Aggiungi una call to action che guidi l’utente all’apertura della pagina.

Leggi anche Come scrivere contenuti autorevoli

Conclusioni

Sebbene si tratti di elementi che non influiscono direttamente sul ranking di un sito, i meta tag description possono fare la differenza nei risultati di ricerca.

Questa guida sugli errori da evitare nella scrittura dei contenuti di questo attributo sarà senz’altro utile nella SEO on-site, perché contribuirà all’ottimizzazione complessiva del sito.

Utilizzare meta description ottimizzate che corrispondano al contenuto delle pagine del sito permetterà di ottenere click di qualità e quindi possibilità di conversioni più elevate.

Leggi anche Cos’è la meta description secondo My Social Web

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *